Elementi per l'edilizia

Il consulente pubblicitario di wedi

Suggerimenti per la pubblicità

Che cos'è esattamente il marketing?

Generalmente si crede che il marketing equivalga alla pubblicità. In realtà il marketing comprende però quattro campi di attività.
  • Politica del prodotto: la politica del prodotto definisce quali prodotti e servizi un'azienda voglia offrire sul suo mercato specifico.
  • Politica di prezzo: la politica di prezzo si occupa del prezzo al quale offrire i prodotti e i servizi. Per esempio, i prezzi devono essere più economici o più elevati rispetto al livello generale?
  • Politica della distribuzione: in che modo i prodotti e i servizi vengono forniti al cliente? Con politica della distribuzione viene data risposta alla domanda.
  • Politica della comunicazione: questo campo comprende l'intera comunicazione, e quindi anche la pubblicità.
La pubblicità rappresenta quindi solo un componente del marketing, ma un componente non di poca importanza. Proprio per gli installatori la pubblicità acquista un rilievo sempre maggiore. Per questo abbiamo raccolto per voi le principali informazioni su questo tema.

Quali sono i vantaggi del marketing?

Il marketing si occupa di adeguare i prodotti e i servizi dell'impresa ai desideri e alle esigenze dei clienti. Questo orientamento al mercato può contribuire in misura essenziale al successo aziendale, se i quattro campi di attività sono ben coordinati tra loro. La politica del prodotto, la politica di prezzo, quella della distribuzione e quella della comunicazione non sono quindi componenti autonomi, ma dovrebbero integrarsi e supportarsi a vicenda.

Se, per esempio, i clienti ritengono che offriate un servizio eccezionale rispetto ad altri piastrellisti, il prezzo, la distribuzione e la comunicazione non sono fattori che influenzeranno in primo luogo la loro decisione. Se però offrite un servizio che viene dato in forma simile anche dai dei concorrenti, la situazione di partenza è già molto diversa. In questo caso dovreste verificare la possibilità di assicurarvi un vantaggio rispetto ai concorrenti con prezzi più convenienti, una distribuzione migliore o una pubblicità più efficace.

Come si posiziona la vostra impresa – e come potrebbe migliorare?

Analizzate il mercato e la vostra situazione! Non è difficile. Basta rispondere alle seguenti domande.

1. Quali sono le dimensioni del mio mercato specifico e come si sta sviluppando?
2. Che prodotti e servizi vengono offerti?
3. Quali gruppi di clienti rappresentano miei gruppi target e come si distinguono tra loro?
4. Quali sono le vie seguite dal prodotto per arrivare al cliente?
5. Con quali concorrenti ho a che fare?

Queste domande vi aiutano a valutare la situazione del mercato in modo realistico. In una seconda fase dovreste poi cercare di descrivere il vostro profilo nel modo più preciso possibile, per esempio sulla base delle seguenti domande.

6. Quali sono i miei punti di forza?
7. E quali sono i miei punti deboli?
8. Quali rischi corro sul mercato dove opero?
9. Quali possibilità mi si offrono?
10. Come posso distinguermi dalla concorrenza?
11. Come mi posiziono e qual è il mio profilo?

Se conoscete bene la situazione del mercato e il vostro profilo potete anche valutare più precisamente il potenziale della vostra impresa. In questo caso vi aiutano le seguenti domande. 12. Quali sono i miei livelli di fatturato?
13. Qual è la mia quota di mercato?
14. Quale quota di mercato voglio raggiungere?

Cercate di rispondere a queste domande nel modo più dettagliato possibile. Per disporre di cifre precise relative al vostro mercato specifico potete rivolgervi per esempio alle associazioni di categoria, alle Camere dell'artigianato o all'ISTAT. Se la ricerca risulta troppo impegnativa potete rivolgervi a un consulente di marketing. Tuttavia dovreste eseguire in ogni caso l'analisi. Infatti solo conoscendo esattamente il mercato, il vostro profilo e il vostro potenziale potete sviluppare una strategia promettente per potenziare ulteriormente la vostra impresa.

Come potete sfruttare le vostre possibilità?

Consigliamo di stilare un piano relativo al modo in cui volete raggiungere gli obiettivi che vi siete posti. È importante, dato che altrimenti il marketing rischia rapidamente di passare in secondo piano tra gli impegni di tutti i giorni. Il piano dovrebbe in ogni caso comprendere i seguenti punti.

1. Obiettivi: per prima cosa dovreste definire nel modo più concreto possibile qual è effettivamente il vostro obiettivo. Per esempio potete prefiggervi di aumentare il fatturato di un determinato valore in un intervallo di tempo definito.

2. Strategia: la strategia descrive il percorso per raggiungere l'obiettivo. In questo contesto è importante tenere presente i desideri e le esigenze dei clienti, ma anche le strategie dei concorrenti.

3. Attività: se la strategia è il percorso per raggiungere l'obiettivo, le attività sono i primi passi su questo percorso. La strategia determina anche in che cosa consistano le attività: ad esempio, una modifica nel pacchetto delle prestazioni offerte può essere altrettanto sensata di una determinata azione pubblicitaria.

4. Realizzazione: preventivate per ogni attività tempi e budget concreti – e attenetevi ad essi per quanto possibile! Solo in questo modo potete raggiungere gradualmente gli obiettivi.

5. Controllo: avete raggiunto l'obiettivo prefissato? Le attività hanno avuto successo? Nel marketing è sempre permesso sperimentare cose nuove, ma si dovrebbe sempre verificare con esattezza se si tratta di qualcosa di valido.

Chi realizza le attività?

Non sempre vale la pena di incaricare un'agenzia pubblicitaria: dipende dalle dimensioni dell'impresa. Solitamente conviene assegnare i compiti di ideazione e di realizzazione a diversi fornitori di servizi ed eseguire internamente la verifica dei risultati.

Nello sviluppo del proprio programma di marketing è probabilmente opportuno ricorrere all’aiuto di un consulente. È un investimento intelligente, perché il successo delle attività dipende essenzialmente dalla coerenza del programma. Per la loro realizzazione, invece, potete rivolgervi per una cifra relativamente bassa a un designer libero professionista. Dovete solo fare attenzione che le diverse attività si inseriscano nella strategia. Potete effettuare personalmente questo controllo o in accordo con il vostro consulente.

Che risultati posso aspettarmi?

Le misure promozionali mirano a ottenere un effetto diretto. Se, per esempio, offrite un determinato tipo di piastrelle a un prezzo speciale, la vostra pubblicità dovrebbe portare a un aumento immediato delle vendite di queste piastrelle.

Tutte le altre misure di marketing hanno invece effetti a lungo termine. Se, per esempio, vi impegnate nella sponsorizzazione di un’associazione sportiva, il fatturato non registrerà una crescita improvvisa. Un’attività di questo tipo è tuttavia molto valida e vi procurerà nuovi incarichi sul lungo periodo. È un aspetto da tenere sempre in considerazione per non spazientirsi troppo presto.

Cosa posso fare affinché la mia impresa venga consigliata dai miei clienti ad altri
?

Probabilmente l'avete già sperimentato in prima persona: niente è più convincente di una raccomandazione fatta da familiari, amici o conoscenti. Per questo motivo dovreste offrire ai vostri clienti un servizio che li spinga a consigliare ad altri la vostra impresa.
  • Cortesia: i vostri collaboratori dovrebbero essere sempre gentili e cortesi con i clienti, anche nel caso di reclami.
  • Trasparenza: i vostri collaboratori dovrebbero sempre informare con esattezza i clienti circa lo stato delle cose. Per esempio, alla fine di una giornata di lavoro dovrebbero spiegare al cliente quello che hanno fatto, illustrare cosa vogliono fare il giorno dopo e indicare una data per il termine dei lavori.
  • Affidabilità: si devono assolutamente rispettare gli accordi presi con i clienti. Vale sia per i termini che per la fatturazione. La fattura dovrebbe quindi corrispondere sempre all'offerta.
  • Pulizia: i vostri collaboratori dovrebbero sempre lasciare il cantiere ordinato e pulito.
Queste regole vanno rispettate. Ne vale la pena. Se i clienti sono soddisfatti della vostra impresa, vi assegneranno incarichi anche in futuro e inoltre vi consiglieranno ad altri. Si tratta di una pubblicità gratuita e altamente efficace! I clienti insoddisfatti sono invece un vero rischio per ogni impresa.

Lista di controllo per marketing

1. Quali sono i miei obiettivi?
2. Con quale strategia posso raggiungere questi obiettivi?
3. Chi mi fornisce consulenza nello sviluppo della strategia?
4. Quali misure derivano dalla mia strategia?
5. Chi mi aiuta nella realizzazione delle attività?
6. Quando devono essere realizzate le attività e quanto costano?
7. Quali sono stati i risultati delle attività?